venerdì 8 marzo 2013

Barboni e Gulmini vincitori a Gerenzago

Dopo la domenica di pausa per le elezioni e la neve si riprende a correre con la 4^ tappa del Gran Premio di Primavera a Gerenzago. Sole e temperatura gradevole per correre, tempo un po' disturbato dal vento e profumo di salamelle alla griglia alla partenza.
Partenza che come al solito vede allinearsi sulla riga per primi i meno giovani delle categorie Gentleman, Supergentleman e donne.
Da compiere 11 giri del percorso per un totale di 54 Km.
Appena dato il via, i corridori onorano subito la gara, prime scaramucce in testa al gruppo e gia' al secondo passaggio ci provano in tre, con il nostro Giuliano Barboni in testa a tirare. Il gruppo reagisce e non lascia spazio. Ci si controlla fino a quasi meta corsa e poi, quando mancano 7 giri al temine, prende il largo un gruppo composto da 14 unita' con tutti i migliori presenti. Il gruppo transita sotto al traguardo con 40 secondi di ritardo. Ormai la corsa e' decisa, al giro successivo il gruppo passa a un minuto mentre davanti si continua regolari. Ad ogni giro i fuggitivi guadagnano secondi, ma forse e' meglio dire che è il gruppo che li perde, infatti i rilevamenti cronometrici vedono i tempi dei primi abbastanza costanti.
Al suono della campana il ritardo del gruppo è di due minuti mentre davanti si cerca la selezione, un Giuliano Barboni sempre all'attacco provoca la frattura dei fuggitivi. All'ultimo Km se la giocano in tre ed ha la meglio Barboni, Supergentleman A, che arriva a braccia alzate con qualche metro di vantaggio su Bassi che vince tra i Gentleman e terzo posto di Spinoglio.
Nella categoria Supegentleman B primo posto di Migliavacca mentre tra le donne si conferma la Skarabella.


La seconda corsa con i più giovani, parte subito veloce, 13 i giri da compiere e gia' sul rettilineo opposto all'arrivo si vedono i primi tentativi di fuga ma il gruppo non molla e vengono raggiunti al rientro in paese.
Al giro successivo invece riescono ad avvantaggiarsi tre corridori che transitano sotto lo striscione d'arrivo con 15" di vantaggio sul gruppo inseguitore che non sembra intenzionato a lasciarli andare facilmente.
Invece i tre al comando pedalano di comune accordo ed al passaggio seguente il vantaggio continua ad aumentare. Dietro, la velocità imposta dai primi fa si che gli inseguitori si frazionano in due tronconi selezionando i più in forma dai meno preparati.

Mancano 9 giri al termine e il terzetto formato dai due veterani Gulmini e Ghelfi e lo Junior Parmigiani passa con un vantaggio di 55" sulla prima parte del gruppo e poi dopo 1'10" il resto degli inseguitori.
Si continua in questo modo per diversi giri, le posizioni si consolidano e i distacchi aumentano.
Oltre alla velocità, una brezza fredda si alza ogni tanto e soffia sui corridori creando ulteriori difficoltà, la stanchezza si fa sentire ed ai -3 giri dal termine i tre al comando hanno 1 minuto di vantaggio sul primo gruppo inseguitore che sembra rinvenire, dietro si frantumano in diversi gruppetti, i primi passano a 2 minuti e gli ultimi a 2'50". Si arriva agli ultimi due giri e la corsa impazzisce per via dei tanti gruppi e gruppetti che i motociclisti apripista faticano a scortare.
Quando poi le posizioni sembrano ormai definite, altro colpo di scena: nel primo gruppo di inseguitori una incomprensione tra due corridori mette fuori gioco il modenese Manzini che ha la peggio trovandosi all'improvviso con la ruota anteriore senza raggi. Fortunatamente, nessuna conseguenza fisica per i corridori tranne che per le biciclette. Con grinta Manzini trova una ruota di scorta e riparte a tutta ma ormai la corsa volge al termine.
All'arrivo si presentano i tre fuggitivi che lasciano la vittoria a Gulmini che esulta a braccia alzate, secondo Ghelfi e terzo ma primo della fascia 19/39 e' Parmigiani, poi dopo un minuto la volata dei primi inseguitori vinta da Bennato su Martignoni. Gli altri corridori arrivano tutti sparpagliati in diversi gruppetti e la coda del gruppo arriva a oltre 3 minuti.
Foto di Emilio Battaini

Prossimo appuntamento per l'ultima tappa a Bargano di Villanova Sillaro sabato 9 Marzo 2013.



Nessun commento:

Posta un commento