lunedì 16 aprile 2012

La Granfondo di Sant’Angelo vista dai protagonisti: Maurizio Ascani

La Granfondo di Sant’Angelo vista dai protagonisti: Maurizio Ascani, asd Sant’Angelo Edilferramenta, vincitore nel percorso corto

Piove,
gli iscritti non sono tanti, superano di poco i 350 (che per una gran fondo sono pochini) ma ho lo stesso una voglia fottuta di correre.............
Sarò pazzo, ma con la pioggia correre per me ha il suo fascino.
Decido di fare il percorso corto, 70 km. anche perché ha solo 3 salite, e per ovvie regioni di peso corporeo già il medio mi avrebbe creato non pochi problemi.
E’ da gennaio che provo una volta alla settimana il percorso, conosco ogni tornante, ogni curva, insomma l'ho aspettata con ansia.

004  Santangelo Lodigiano G.F.
Dopo le prime scaramucce, prima del ponte di Spessa Po' parte Il Rapa (Rapaccioli), davanti a me parte un altro senior, gli prendo la ruota e siamo via..................
Non è possibile, anche perché il rapa faceva il medio, l'altro junior faceva il lungo ed io il corto, questo voleva dire solo una cosa, che prima o poi ci saremmo inevitabilmente divisi.
Ma la divisione avviene molto prima, la prima salita i miei compagni di fuga la affrontano a tutta a quasi 30 all'ora, mancava 1 km a scollinare, cosa faccio? Muoio per tenere le ruote e rischio di brasarmi?
Li lascio andare e continuo con il mio passo, intorno ai 25 orari e scollino con 30 secondi sui primi. Non mi scoraggio, il gruppo è ancora lontano e vado a tutta sino al bivio che a sinistra. scende a Montescano. Sono ancora solo, passo davanti alla clinica ed un gruppo di miei colleghi è per strada ad incitarmi anche con striscioni....(ovvio, lavoro li')
Questo mi ha dato ancora più birra.
Comincio l'ultima salita e mi accorgo che stanno rientrando in 2.... Cosa faccio???? Vado a tutta e cerco di mettere più secondi tra me e loro o li aspetto?!?!?!
Ho optato per la seconda scelta anche perché stavo bene ed al limite me la giocavo in una eventuale volata.
Caspita, uno è uno Junior, l'altro è un Senior, io ero il vecchietto, tutto procede di comune accordo anche se io in discesa decido di non prendere troppi rischi, e tengo almeno una decina di metri tra me e loro, tanto rientrare poi in pianura non era impossibile.
Cosi è stato, in tre di comune accordo giriamo sino a 3 km dall'arrivo e poi il senior vuole arrivare da solo.
Primo scatto, io chiudo, secondo scatto io chiudo, terzo scatto chiudo ma mi chiede il cambio, che ovviamente non do', parto ai 300mt e taglio per primo il traguardo.
HO VINTO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Foto di Giusy Priori
114  Santangelo Lodigiano G.F.


Nessun commento:

Posta un commento